Pietrasanta

Vivace cittadina della Versilia, distesa tra le Alpi Apuane e il Mare, deve il suo nome a Guiscardo da Piatrasanta, un milanese divenuto Podestà di Lucca, che, nel 1255, strappa definitivamente questo avamposto verso la costa ai rivali pisani. Questa conquista lucchese non scoraggia però i Genovesi, né i Fiorentini, che si insediano definitivamente al governo della città nel 1513, grazie a Papa Leone X.
A questi vivaci moti storici si accompagna fin da subito una altrettanto vivace vita culturale. La città, realizzata ex novo su pianta ortogonale, accoglie infatti tra le sue maglie storiche : la trecentesca Rocca di Sala e la quattrocentesca Rocchetta Arrighina, il Duomo di San Martino e il Convento di sant'Agostino, installazioni contemporanee realizzate da moltissimi scultori di fama internazionale (Botero, Mitoraj, César,... ) che trovano qui non solo il pregiato marmo bianco e gli abili lapicidi locali ma anche espertissimi forgiatori per la lavorazione del bronzo.


 

VISITA HALF DAY: Si intende una visita di mezza giornata, ossia una visita in cui la guida è a disposizione del cliente per un massimo di 3 ore a partire dall'ora che il cliente e la guida hanno stabilito per l'incontro. La durata della visita può variare a seconda dell'itinerario concordato col cliente che può richiedere itinerari su misura a partire dalle visite classiche proposte nel sito www.visitapisa.com
Possibilità di prenotare un pasto o una degustazione a base di prodotti tipici.


Si entra a Pietrasanta attraverso la Chiave del sogno, una scultura di Ken Yasuda che introduce alla Porta a Pisa, l'ingresso più antico alla città dalla parte del piano. Da qui si giunge subito nel cuore del centro storico, ovvero nella Piazza del Duomo, circondata dagli edifici religiosi più importanti : il Duomo di San Martino ( il cui campanile è stato molto probabilmente realizzato su progetto di Michelangelo, con sculture dei Riccomanni e degli Stagi e pitture di Matteo Rosselli, Jacopo Vignali e Francesco Curradi), il Battistero che contiene ben due fonti battesimali, la Chiesa di Sant'Agostino, con il suo convento che ospita il Museo del Bozzetto, e alcuni Palazzi signorili. Poi ci si infila nelle vie del centro fino all'Inferno e al Paradiso, i due affreschi di Botero, che rinnovano una delle più antiche chiese di Pietrasanta; e si continua di piazza in piazza alla scoperta delle sculture e delle installazioni realizzate da Anna Cromy o da Folon, o da Francesco Mesina o Igor Mitoraj. E con scarpe comode, si può arrivare anche alla trecentesca Rocca di sala, che domina la città dall'alto.

INGRESSI DA PAGARE: nessuno.

 

3 FEBBRAIO: FIERA DI SAN BIAGIO. ogni anno, in concomitanza con la festa di San Biagio ( 3 Febbario ), protettore della gola, di cui si conserva una reliquia nel Duomo di San Martino, Pietrasanta si veste a festa per la gioia di grandi e piccini : con un ricco mercato di prodotti di ogni genere e un luna park.

LUGLIO E AGOSTO: Al parco della VILLA LA VERSILIANA, a Marina di Pietrasanta, dove più volte ha soggiornato anche il poeta Gabriele D'annunzio che per primo ha inaugurato la stagione degli spettacoli all'aperto, si svolge, da 32 anni un festival di musica, teatro, prosa, incontri letterari e anche proposte per un pubblico più … piccolo.

www.laversilianafestival.it

I più cliccati

Organizzazione tecnica per i servizi e per i pacchetti proposti nel sito a cura di www.artissimoitalia.com.

© 2003/2015 Elena Pinori - Marketing & Grafica MURAGLIA LAB - Powered by JOOMLART